Un incontro con Mohsin Hamid, autore del libro del momento: dalle migrazioni alla tecnologia, come si raccontano le complessità di quest’epoca.

 
Viviamo nell’era che più di ogni altra ha deciso di semplificare il mondo, risolvendo (o dichiarando di voler risolvere) pressoché ogni problema e complessità, e offrendo risposte anche dove non ce ne sarebbero di certe. In quest’epoca, più di un miliardo di persone si sposta dal luogo in cui è nata, cambia città, Stato, continente in cerca di lavoro, pace o, come si dice in questi casi, fortuna. L’accademico Thomas Nail di recente ha scritto su Aeon che dobbiamo riconoscere un dato fondamentale della contemporaneità: il Ventunesimo secolo sarà il secolo dei migranti. Le migrazioni però, per uno dei molteplici paradossi di questi tempi, sono un tema intrinsecamente complicato, che segue la direzione opposta di quella tendenza semplificatrice: come si gestiscono centinaia di milioni di persone che si muovono? Come se ne parla? Cosa se ne può pensare?

Continua a leggere sul sito di Studio